# Tag popolari

20 Aprile 2024

Bio & Sostenibile

Il benessere tutt’intorno a te! Magazine e Newsletter

 

7 consigli salva bolletta

W la crisi (se ci farà diventare più attenti e consapevoli).

7 consigli salva bolletta

Prima ancora di pensare come affidarci alla produzione e al consumo di energia rinnovabile, dobbiamo imparare tutti a risparmiare e ottimizzare i nostri consumiMolte delle nostre abitudini, sono inutili, dannose e ci fanno sprecare risorse, tempo, denaro e spesso anche la salute.

Ritrovare il buon senso e affidarsi a una gestione attenta della nostra casa e delle nostre abitudini, ci farà risparmiare e può anche farci vivere meglio!

Vediamo insieme qualche consiglio pratico:

Spegnere le luci

Spegnere le luci, è il più antico e consueto consiglio, ma non è mai passato di moda. Spegni le luci e riaccendile solo al bisogno. Usa la luce naturale nelle ore diurne, aprendo bene le persiane e le tapparelle. Stacca dalle prese gli alimentatori dei cellulari, spegni tutti gli stand-by, scollega il modem quando non è in funzione.

lampade a led

Con un piccolo investimento, sostituisci le lampadine vecchie, con lampade a led. Se devi sostituire un elettrodomestico (frigo, lavatrice o lavastoviglie, ecc), scegli fra quelli a bassissimo consumo (Classe A+++ e Classe A++) e informati su eventuali bonus fiscali.

Frigorifero

Apri il frigorifero soltanto quando serve. Tutte le volte che si apre il frigo, si consuma più energia per mantenere il fresco. Tieni frigorifero e congelatore lontani dalle fonti di calore come termosifoni e stufe, Imposta il loro termostato su temperature intermedie. Leggi le istruzioni del frigo e disponi al posto giusto gli alimenti, (questo ti farà ridurre anche gli sprechi alimentari). Infine effettua regolarmente la sbrinatura (un frigorifero non sbrinato consuma il 20% in più di energia).

Se usati con poca attenzione, forno elettrico e forno a microonde risultano molto costosi. Per il forno elettrico, ti consiglio di ottimizzare le cotture, ad esempio cuocendo insieme (se possibile) 2 pietanze o cuocendo in successione, ad esempio, una parmigiana di melanzane e dopo una crostata. Questo ti eviterà il costo di riportare in temperatura il forno. Cerca ricette alternative che ti consentano di cuocere in altro modo. E comunque, spegni il forno poco prima che gli alimenti siano pronti, sfruttando poi il calore accumulato per ultimare la cottura. Personalmente sono contrario al forno a microonde, ma se sei abituato ad usarlo, non lasciarlo mai in stand-by, essendo considerato uno degli apparecchi che consuma di più a riposo.

Lavatrice e lavastoviglie sono tra gli elettrodomestici che consumano di più. Vanno utilizzate in modo intelligente e consapevole! Per risparmiare energia elettrica, è necessario seguire alcune regole. Farle funzionare sempre a pieno carico e a basse temperature, per contenere il consumo di energia. Ormai tutti questi apparecchi sono dotati di timer. Se avete un contratto a tariffa bioraria, è quindi possibile farle funzionare nelle ore in cui l’energia costa meno e se avete installato i pannelli solari, ovviamente nelle ore diurne per avvalervi al meglio dell’autoconsumo. Infine attenzione ai programmi che si scelgono: a meno che non vi siano esigenze particolari, optare sempre per la funzione “risparmio energetico”.

Per finire, il consiglio più amato: non stirare! O almeno limita questa attività solo agli indumenti che ne hanno realmente bisogno. Se stendi con cura i tuoi indumenti lavati, una volta asciutti sembreranno stirati e questo può equivalere ad un consistente risparmio energetico.

E se iniziassimo a fare a meno di qualcosa? Hai davvero bisogno di tutti gli apparecchi che accendi in casa? Ognuno di noi, anche il più morigerato, ha senza dubbio uno o più elettrodomestici superflui. Il mio consiglio è semplice, disfatevene! O almeno usatelo in modo più consapevole. Telefoni cordless (per via della loro alimentazione costante), boiler elettrici, asciugatrici e sveglie digitali, ecc. Guardatevi intorno in casa, quando si tratta di sprecare energia, ce n’è per tutti i gusti.

Next Post

Cos’è e come funziona un Gruppo d’acquisto Sostenibile (G.A.S.)

Sab Giu 3 , 2023
Acronimo di Gruppo di acquisto solidale, il G.A.S. affonda le sue radici nel principio che l’acquisto dei beni alimentari debba tornare ad essere un’esperienza fondata sul pensiero critico, sulla solidarietà e sulla sostenibilità. In concreto, si tratta di un gruppo di persone che si riuniscono spontaneamente per fare degli acquisti […]
Gruppo d’acquisto Solidale

Ti può interessare anche...

seers cmp badge